DIRITTO PENALE

DIRITTO PENALE


AGGRAVANTE PER IL COMMERCIALISTA CHE TIENE I SOLDI DEL CLIENTE

21/05/2019

Appare ovvia la sentenza della Corte di Cassazione n. 21992/2019, a tenore della quale il reato di appropriazione indebita sarebbe da considerarsi aggravato ai sensi dell'art. 61, comma 1, n. 11 del codice penale, nell'ipotesi in cui il commercialista trattenga per sé le somme affidategli dal cliente per il pagamento delle imposte.

L'aggravante sarebbe giustificata dall'abuso da parte del professionista del rapporto fiduciario che lo lega al cliente.

Avv. Mauro Franchi - info@jurismind.it


VAI A TUTTI I CORSI AUDIO DI DIRITTO


 

[Continua]


BLOGGER RESPONSABILE PER IL REATO DI DIFFAMAZIONE

16/05/2019

Risponde per il reato di diffamazione, in concorso con l'autore del post, il blogger che mette a disposizione, con appositi spazi utilizzabili da terzi, il proprio sito - blog, rimanendo inerte, dopo essere stato avvertito del contenuto offensivo di un commentatore, senza procedere alla rimozione del commento. 

Lo stabilisce la Cassazione con sentenza n. 12546/2019.

Avv. Mauro Franchi - info@jurismind.it


VAI A TUTTI I CORSI AUDIO DI DIRITTO


 

[Continua]


SEQUESTRI NEI CONFRONTI DI COLLUSI CON LA MAFIA

14/05/2019

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 20571/2019 ha ribadito la legittimità del sequestro di beni aziendali e quote societarie nei confronti di un imprenditore sospettato di intrattenere rapporti con la mafia.

Per l'adozione della misura cautelare, secondo la suprema corte è sufficiente la sussistenza di seri indizi, ad esempio derivanti da intercettazioni, avvaloranti i legami mafiosi, indipendentemente dal fatto che il soggetto sia stato assolto dal concorso di rato.

Avv. Mauro Franchi - info@jurismind.it


VAI A TUTTI I CORSI AUDIO DI DIRITTO


 

[Continua]


DECRETO SICUREZZA BIS: LE NOVITA'

14/05/2019

Sta per essere varato dal governo il decreto sicurezza bis, che ha ad oggetto, fra l'altro, i reati contro le forze dell'ordine. Vediamo in sintesi alcune novità:

  1. rischia sino a tre anni di reclusione chi durante una manifestazione si oppone ad un pubblico ufficiale nell'esercizio delle proprie funzioni con l'utilizzo di scudi, di altri oggetti di protezione oppure con l'utilizzo di materiali imbrattanti, anche senza violenza, resistenza od oltraggio;
  2. tali condotte non potranno mai essere considerate di lieve entità;
  3. inoltre, sei i fatti sono perpetrati durane una manifestazione in luogo pubblico si realizzerà la fattispecie dell'aggravante;
  4. la reclusione sale da 3 a 4 anni se si oltraggia un pubblico ufficiale.
[Continua]


SEMPRE DIFFAMAZIONE NEI SOCIAL E MAI INGIURIA

13/05/2019

Occorre stare attenti a come ci si esprime sui social.

Ciò, oltre ad essere una sana regola comportamentale, serve anche ad evitare in spiacevoli conseguenze penali.

La Corte di Cassazione, infatti, con sentenza n. 7904/2018, ha avuto modo di precisare che nell'ipotesi in cui, in un social vengano indirizzate frasi offensive direttamente alla persona offesa, che ne abbia una percezione diretta, non si concretizza il reato di ingiuria, ma quello più grave di diffamazione se, oltre al destinatario diretto delle frasi, partecipano od assistono alla "discussione" anche altre persone.

Avv. Mauro Franchi - info@jurismind.it


VAI A TUTTI I CORSI AUDIO DI DIRITTO


 

[Continua]


APPROPRIAZIONE INDEBITA SE NON SI RESTITUISCE LA CONTABILITA'

11/05/2019

Decisione tutto sommato ovvia quella della Corte di Cassazione, che con sentenza n. 20231/19 ha stabilito che il commercialista che non restituisce la contabilità a fine mandato commette reato di appropriazione indebita di cui all'art. 646 c.p.

Ovviamente il reato si consuma solo in presenza di una richiesta specidica dell'ex cliente a nulla rilevano poi lo scopo specifico di occultare propri errori.

Avv. Mauro Franchi - info@jurismind.it


VAI A TUTTI I CORSI AUDIO DI DIRITTO


 

[Continua]


LEGITTIMA DIFESA E RISARCIMENTO DANNO

07/05/2019

LEGITTIMA DIFESA E RISARCIMENTO DANNO: la riforma della legittima difesa (Legge n. 36 del 26/04/2019) prevede, fra l'altro, che per l'applicazione dell'istituto della sospensione condizionale della pena, nelle ipotesi di furto in appartamento o furto con strappo, si debba risarcire integralmente il danno prodotto. Così viene riformato il sesto comma dell'art. 165 c.p. (07/05/2018).

[Continua]


LA LEGITTIMA DIFESA DOMICILIARE

23/04/2019

La legge di modifica all'art. 52 c.p. sulla legittima difesa.

[Continua]


fbq('track', 'AddToCart')