Juris Mind audio lezioni diritto - "Saggezza" Giuridica

Juris Mind audio lezioni diritto - "Saggezza" Giuridica

In ogni campo del "sapere umano" i Maestri, quelli veri, per fortuna, sono sempre esistiti. Li riconosci, rispetto ai pseudo maestri in quanto leggendoli, magari a distanza di anni o decenni, (oppure, se sei più fortunata/o, ascoltandoli direttamente) ti accorgi subito del "nuovo" che ti stanno trasmettendo, il più delle volte in modo semplice e diretto. Direi, forse, che la "semplicità" e la chiarezza è un primo evidente segnale che ci si trova al cospetto di qualcuno o qualcuna che ti può effettivamente trasmettere qualcosa, facendoti crescere. I loro discorsi, o meglio, i loro messaggi, di solito, sono "senza tempo", nel senso che sono una fotografia, una lettura, un'interpretazione di un momento significativo delle più svariate situazioni, relazioni umane - sociali. Considerazioni, quelle dei Maestri, che non risentono, di certo, del condizionamento del contingente, dell'effimero.

Ecco, in campo giuridico, fra questi Maestri, mi piace ricordare la figura di Piero Calamandrei che tanti di Voi certamente già conosceranno, attraverso alcune sue considerazioni relative al "mondo giuridico" che in un modo o nell'altro, interessa tutti noi, vuoi come studenti, vuoi come professionisti od insengnanti od, ancora, vuoi (e forse è il ruolo più importante), come "semplici" cittadini, cioè come semplici soggetti facenti parti di una collettività organizzata che suole "autodefinirsi" "società civile".

"L'avvocato deve sapere in modo così discreto suggerire al giudice gli argomenti per dargli ragione, da lasciarlo nella convinzione di averli trovati da sè" Piero Calamandrei. 

fbq('track', 'AddToCart')